In vacanza con cani e gatti. Pronti a partire?

Scopri come viaggiare serenamente con i tuoi amici a 4 zampe

Il ruolo degli animali d’affezione nelle famiglie italiane sta diventando sempre più importante. Dai dati dell’indagine realizzata da Bva-Doxa per Assalco, l’associazione che riunisce tutte le principali aziende dei settori petfood e petcare che operano nel nostro Paese, si legge ad esempio che il 77% di proprietari di cani, gatti e altri pet afferma di portare i propri animali da compagnia con sé al ristorante e in vacanza.

Partire insieme agli animali domestici

Una tendenza confermata anche da un’analisi Coldiretti/Ixè, secondo la quale nel 2021 quasi un italiano su cinque (il 19%) si è spostato con cani e gatti durante le ferie, grazie anche a una accresciuta cultura dell’ospitalità “pet friendly”. Chi può, preferisce alloggiare in affitto per cercare di ricreare l’ambiente domestico e ridurre al minimo lo stress del cambiamento. Anche gli agriturismi sono gettonati, con ampi spazi all’aperto, garanzia per gli animali di una vacanza all’insegna della riconquista della libertà e della vicinanza ai loro padroni.

Per far fronte a questa crescente esigenza dei viaggiatori, sono nel frattempo aumentati gli alberghi che offrono servizi specifici agli amici a quattro zampe, tra aree dedicate e pasti personalizzati. È tuttavia sempre consigliabile informarsi preventivamente su tutte le regole definite da ciascuna struttura, per non avere sorprese sgradite e gestire le vacanze anche nel rispetto delle esigenze degli altri ospiti.

Regole e consigli su come viaggiare in auto e aereo con animali

Se anche tu, come la maggior parte dei proprietari di animali domestici, consideri il tuo cane o gatto parte della famiglia, prima di metterti in viaggio assicurati che sia al sicuro e comodo. In particolare, se ti sposti in auto, in base al Codice della Strada nell’abitacolo non si può tenere più di un pet libero, e anche in questo caso è necessario garantire condizioni che evitino impedimenti o pericoli per la guida. Più animali domestici possono essere portati se tenuti in un trasportino o nel vano posteriore, separato dai sedili con una rete.

Una volta al volante occorre poi seguire alcune accortezze per garantire all’animale un viaggio confortevole. Innanzitutto, anche cani e gatti possono soffrire di mal d’auto, perciò meglio adottare una guida a velocità costante e dolce, ed eventualmente chiedere consiglio al proprio veterinario prima di partire. Inoltre è opportuno fare soste frequenti per le sue necessità, garantirgli sempre dell’acqua a disposizione ed evitare comportamenti potenzialmente rischiosi, come consentirgli di tenere la testa fuori dal finestrino. Attenzione poi alle temperature: l’aria condizionata non deve rendere troppo freddo l’abitacolo e, per il motivo opposto, mai lasciare un animale da solo in auto. Se invece si viaggia in aereo è importante informarsi in anticipo sulle modalità di trasporto: alcune compagnie consentono di portare in cabina cani e gatti, se di piccola taglia, mentre altre no.

Sicurezza a quattro zampe

Per la sicurezza del tuo amico a quattro zampe, in viaggio, ma anche nella vita di tutti i giorni, c’è un’altra scelta che puoi fare, prima di partire: assicurarlo con UnipolSai C@ne&G@tto, la polizza pensata apposta per gli animali domestici.

Ti tutela ad esempio in caso di danni a persone o altri animali e hai il rimborso delle spese veterinarie in caso di ricovero per intervento chirurgico. Ma sono tanti altri i vantaggi e le garanzie: scopri tutto in pochi click e offri ai tuoi fedeli amici un’ulteriore prova del tuo amore.

Fai un preventivo online e acquistala anche direttamente dal sito e dall’App UnipolSai.

Tempo libero e viaggi, al sicuro dagli imprevisti Goditi le tue passioni in tutta serenità

Gli italiani hanno voglia di ritrovare tempo per sé stessi, per fare ciò che amano. I consumi nel nostro Paese non hanno ancora raggiunto i livelli pre-pandemia, ma si evidenzia una maggior propensione delle famiglie alle spese nella ristorazione, nello shopping e nei viaggi.

Hobby senza rischi

Siamo tornati gradualmente a godere della compagnia di amici e familiari, ritagliandoci un po’ di sano relax fuori casa e tornando a fare attività all’aperto, complice la bella stagione. Il tempo libero è prezioso e il desiderio è quello di sfruttarlo al meglio. Tuttavia è importante non trascurare la sicurezza anche mentre ci rilassiamo. Ogni anno avvengono in Italia più di tre milioni di incidenti in casa (dati Istat del periodo pre-pandemico) e una significativa percentuale di lesioni trattate in ospedale risulta essere collegata al tempo libero e all’attività sportiva. Che si tratti allora di andare in spiaggia, fare un’escursione a piedi o in bicicletta o dedicarsi a un hobby tra le pareti domestiche, è fondamentale perciò salvaguardare il proprio benessere e ridurre al minimo il rischio di infortuni.

Prevenzione e preparazione

Si ha voglia, ad esempio, di scoprire i benefici delle due ruote per spostarsi in città o per fare una gita? Allora è indispensabile verificare che la bicicletta sia in perfetta efficienza. Gomme non adeguatamente gonfiate, catene non oliate o luci rotte sono solo alcuni dei fattori di rischio da tenere sotto controllo. La gradualità, poi, è tutta nell’attività sportiva amatoriale: è bene calibrare gli allenamenti a seconda della propria condizione generale e lavorare sul potenziamento muscolare e lo stretching, per evitare problemi. E mai dimenticare il casco.

Se è tempo di organizzare un’escursione in montagna, è opportuno pianificare con cura il percorso, monitorare attentamente il meteo prima di mettersi in cammino e avere il giusto equipaggiamento, a partire da un’adeguata scorta di acqua.

Le parole d’ordine per assaporare con serenità le proprie passioni sono quindi prevenzione e pianificazione.

Puoi viaggiare senza pensieri

Quando si parla di tempo libero non si può fare a meno di pensare alle vacanze e agli spostamenti. Viaggiare e sentirsi sicuri è davvero importante, specialmente se si sceglie di andare all’estero. è inutile nasconderlo, pur facendo tutti gli scongiuri del caso, un infortunio può capitare quando meno ce lo aspettiamo, rovinando i bei momenti di vacanza programmati.

Cosa accade se ad esempio ci si ammala all’improvviso durante un soggiorno di vacanza, studio o lavoro in un altro paese dell’Unione Europea? In quanto cittadini iscritti al SSN, si ha diritto alle cure mediche. Bisogna perciò ricordare di mettere in valigia la Tessera Sanitaria, verificando che sul retro compaia la scritta “Tessera Europea di Assicurazione Malattia” (TEAM). La TEAM permette l’accesso agli stessi servizi sanitari pubblici dei cittadini del posto, con limiti e particolarità che suggeriamo di approfondire prima di ogni vostro viaggio.

Sia per proteggerti dagli infortuni, sia da quanto può succedere in viaggio, UnipolSai ha una soluzione personalizzata per aggiungere tranquillità e renderti la vita più facile.

In caso di infortuni, per esempio, puoi scegliere la polizza UnipolSai Infortuni Premium 2.0. Una soluzione che ti protegge dalle conseguenze di un incidente quando ne hai più bisogno. In casa, sul lavoro, per gli infortuni dovuti alla pratica di sport amatoriali e agonistici ti garantisce l’accesso a cure in tempi rapidi con personale medico specializzato, in tutta Italia.

Se invece stai pianificando un viaggio o la tua prossima vacanza, scegli UnipolSai InViaggio, l’assicurazione per i tuoi viaggi di piacere, lavoro o studio, valida in tutto il mondo. Copre direttamente anche le spese per malattia o infortunio sostenute durante il viaggio, come cure mediche ospedaliere, terapie e interventi chirurgici urgenti.

Polizza infortuni e polizza viaggi: due soluzioni ideali per sentirti protetto anche quando sei lontano da casa.

La mobilità diventa sempre più sostenibile

Limitare le emissioni inquinanti delle auto è una priorità per la transizione ecologica.

La mobilità diventa sempre più sostenibile

L’attività dell’Unione Europea mirante a creare un’economia moderna e climaticamente neutra è sempre più focalizzata sulla promozione di modalità di trasporto più sostenibili ed efficienti. Si punta sull’impiego di tecnologie, carburanti e infrastrutture green. E, per raggiungere questo obiettivo, la Commissione Europea ha introdotto anche normative che penalizzano i mezzi inquinanti, arrivando nel documento “Fit for 55” a proporre di azzerare le emissioni prodotte dalle automobili nuove entro il 2035.

Trend in crescita e situazione internazionale

Il processo di transizione energetica, nel mondo automotive, rischia però di rallentare, anche a causa di dinamiche internazionali che potrebbero in generale penalizzare il comparto. Una volta terminato il periodo più duro della pandemia, la ripartenza dell’economia globale e la notevole domanda energetica hanno infatti causato un deciso aumento dei prezzi di carburanti e materie prime. Costi record che, per quanto riguarda ad esempio energia elettrica e gas, stanno subendo un’ulteriore impennata a causa del conflitto in Ucraina. E salgono anche i prezzi di materiali come il nichel, componente fondamentale per le batterie delle auto elettriche.

Una congiuntura non favorevole che si unisce al cosiddetto “chip shortage”, cioè la carenza di componenti elettroniche che rischia di diventare un ostacolo rilevante in molti processi produttivi. Problematiche da risolvere quindi, per proseguire in un trend che vede in espansione i mezzi ad alimentazione alternativa e più sostenibile. Secondo ad esempio i dati dell’Acea, l’Associazione dei produttori europei di automobili, nel 2021 i veicoli elettrici ibridi hanno rappresentato quasi un’immatricolazione su cinque di nuove auto nell’Unione Europea, attestandosi al 19,6%, in deciso aumento rispetto all’11,9% del 2020.

Cos’è un’auto ibrida?

Una vettura ibrida affianca al motore tradizionale, diesel o benzina, un altro elettrico collegato a batterie dedicate che funziona da solo o insieme all’altro propulsore. A seconda delle diverse combinazioni, le auto ibride possono viaggiare esclusivamente con la trazione elettrica o meno. I principali sistemi attualmente disponibili sono il mild hybrid, il full hybrid e il plug-in hybrid.

Le auto mild hybrid hanno una batteria di piccole dimensioni e un motore elettrico di potenza limitata. Quest’ultimo, mai indipendente, va in funzione solo in alcune fasi, come le ripartenze e la marcia a velocità molto bassa. In contesto urbano possono offrire una riduzione dei consumi rispetto ai corrispondenti modelli benzina e diesel.

Le auto full hybrid combinano il motore termico a quello elettrico, che ha una sua autonomia per pochi chilometri e a bassa velocità. La ricarica della batteria avviene esclusivamente durante la marcia attraverso l’energia prodotta dal motore termico in alcune fasi dello spostamento. Sono consigliate soprattutto in città e la loro tecnologia ha un livello di affidabilità garantito una storia ormai abbastanza lunga di presenza sul mercato.

Le auto ibride plug-in rappresentano infine una via di mezzo tra un’auto tradizionale e una elettrica. E possono viaggiare in quest’ultima modalità per circa 50-100 chilometri, a seconda del modello e della capacità della batteria utilizzata. Si ricaricano con un cavo da attaccare alla presa domestica o alle colonnine pubbliche.

Green e conveniente

A incoraggiare l’acquisto di questo tipo di vetture nel corso del 2022, e fino al 2024, tornano anche gli incentivi del Governo. Gli automobilisti potranno infatti chiedere di avviare la pratica per il contributo statale e riceveranno uno “sconto” che, in base alla tipologia di vettura comprata, può giungere fino a 3mila euro per le elettriche e fino a 2mila per ibride plug-in. A ciò si aggiunge, per entrambe le tipologie, un eventuale contributo di rottamazione di 2mila euro (demolendo una macchina di classe inferiore a Euro 5). Per le mild e full hybrid è previsto invece solo un contributo di 2mila euro in caso di rottamazione di altra vettura.

 

 

UnipolMove, la libertà di muoversi oltre. Scopri il nuovo servizio di pagamento dei pedaggi autostradali

Nel corso degli ultimi decenni abbiamo assistito a una continua evoluzione nella regolamentazione dei servizi di trasporto. A partire dal settore aereo, seguito poi dai comparti ferroviario e marittimo. Molto rilevante in questo processo è stata la spinta del Parlamento Europeo, che ha contribuito a determinare una sempre maggior apertura alla concorrenza tra i vettori comunitari, aumentando l’offerta per i consumatori.

Col recepimento della direttiva del Parlamento europeo n. 520 del 2019, dedicata all’interoperabilità dei sistemi di telepedaggio stradale, si è recentemente attuata anche in Italia l’apertura di un altro segmento, che era stato esercitato per un lungo tempo in un regime di sostanziale monopolio. Quello del servizio di pagamento elettronico dei pedaggi.

Una nuova alternativa

Non è esagerato parlare allora di “rivoluzione” nel mondo del telepedaggio. Optare per un operatore alternativo, infatti, oggi è possibile. Un’opportunità di scelta rappresentata da UnipolMove, il servizio offerto da UnipolTech, società del Gruppo Unipol, che aggiunge così un nuovo tassello al suo ecosistema legato alla mobilità, inaugurato ormai quindici anni fa con le scatole nere.

È innegabile la comodità e il risparmio di tempo che si ottengono spostandosi in modo “smart” in autostrada, senza code né la necessità di pagare materialmente con carte o contanti. E per godere di questi vantaggi basterà utilizzare le porte dedicate al telepedaggio, facilmente identificabili grazie al logo dell’Unione Europea posizionato sui cartelli di accesso ai caselli.

Il mondo di UnipolMove

Comodo, conveniente, sicuro. UnipolMove è un device dal design compatto ed elegante offerto con canone gratuito per sei mesi. Al termine di tale periodo, il canone è di solo 1 euro al mese, senza spese di attivazione. Il contratto non ha vincoli, e quindi si può recedere quando si preferisce, senza costi aggiuntivi. È possibile acquistare il dispositivo online sia sul sito o sull’App UnipolSai seguendo il percorso guidato e indicando l’indirizzo presso il quale riceverlo, senza costi di spedizione, oppure in alternativa ritirarlo presso la propria Agenzia UnipolSai.

Al contratto possono essere associati fino a due device (auto o moto): anche il secondo dispositivo è gratuito per un periodo di sei mesi se contestualmente richiesto, dal settimo mese il suo costo è di 0,50 euro al mese.

Tanti servizi in pochi click

Ma è solo uno dei tanti servizi a disposizione. Nella propria Area Riservata si possono consultare i movimenti, gestire l’offerta, visualizzare il dettaglio delle fatture o ricevere assistenza. Inoltre, il contratto include anche la polizza che copre il furto, lo smarrimento e il danneggiamento del dispositivo ed è interamente gratuita per chi sottoscrive fino a due contratti di telepedaggio.

Con l’acquisto di UnipolMove si può usufruire inoltre di promozioni esclusive presso alcune delle società del Gruppo Unipol: ad esempio lo sconto del 35% negli hotel e resort del Gruppo UNA convenzionati o uno sconto dedicato al Noleggio a Lungo Termine auto con UnipolRental e molti altri vantaggi ancora.

Con UnipolMove muoversi e viaggiare diventano un piacere tecnologicopratico, vantaggioso e semplice. Provalo subito!

 

Sempre accanto ai tuoi dipendenti Supporto assicurativo per la tua azienda che tutela i lavoratori dalle emergenze sanitarie

Non siamo ancora del tutto fuori dalla pandemia da Covid-19 e già è chiaro che molto probabilmente questa non sarà l’ultima crisi sanitaria a mettere in discussione le nostre abitudini di vita e la nostra sicurezza. Dopo oltre due anni dal primo caso confermato in Europa, continua infatti l’impegno per fronteggiare la diffusione della malattia, con le sue varianti. E mentre gradualmente si allenta il quadro delle restrizioni, si cerca di comprendere cosa può riservare il futuro.

Una storia che si ripete

Le minacce per la salute hanno in realtà attraversato ciclicamente la storia dell’umanità. Ogni volta che è comparsa una nuova patologia aggressiva, questa ha cominciato a seguire gli esseri umani nei loro spostamenti, dalle carovane alle navi, dai treni agli aerei. Per rimanere ai secoli più recenti, risale a poco più di 100 anni fa la pandemia influenzale della “Spagnola”: tra il 1918 e il 1920 causò la morte di circa 50 milioni di persone, secondo le stime più caute, diffondendosi in tutto il mondo. Il Covid-19 segue invece la prima pandemia del XXI secolo, quella di influenza H1N1 del 2009, preceduta già dall’emergenza globale della Sars (Severe Acute Respiratory Syndrome), nel 2003. Farmaci più efficaci e sistemi sanitari sempre più efficienti hanno progressivamente permesso di ridurre e contrastare l’impatto dei virus. Non bisogna però abbassare la guardia, come hanno ricordato in tutti questi mesi i maggiori esperti planetari.

Prepararsi per il futuro

È quindi cruciale farsi trovare preparati e predisporre a tutti i livelli contromisure e meccanismi di contrasto pronti a scattare nell’emergenza. Ed occorre farlo a livello globale perché, come ha spesso sottolineato nei suoi richiami l’Organizzazione Mondiale della Sanità, per affrontare una pandemia il mondo deve lavorare come una squadra, puntando su tempestività e qualità della condivisione delle informazioni su virus, ricerca e innovazione. Alcuni studi di Cordis, lo spazio inform

ativo della Commissione Europea su ricerca e sviluppo, hanno provato a formulare ipotesi su cosa bisogna aspettarsi per il 2022 e gli anni a venire, prevedendo che l’eradicazione dell’ultimo Coronavirus richiederà tempo e ponendosi nel frattempo l’obiettivo di controllarlo al meglio. E per pianificare le strategie e rispondere alle emergenze sanitarie globali è anche nata Hera, una nuova Autorità europea che collaborerà strettamente con le altre agenzie sanitarie dell’UE e nazionali, con l’industria, la comunità della ricerca, la società civile e i partner internazionali per migliorare la preparazione a crisi future.

Un piano per le aziende a protezione dei lavoratori

Quello che è accaduto nei due anni di pandemia ci ha costretto a ridefinire molti aspetti della nostra quotidianità: la preoccupazione per la salute e le conseguenze economiche e sociali emerse con la crisi sanitaria esigono contromisure e l’adozione degli strumenti giusti. Il welfare aziendale diventa una risposta importante in uno scenario come quello che abbiamo di fronte. UnipolSai #ANDRÀTUTTOBENE New è la polizza dedicata all’emergenza Covid-19 e ad alcune malattie gravi, pensata per le aziende che vogliono offrire a collaboratori e dipendenti, e ai loro familiari, una copertura assicurativa per tutelarli in questo momento ancora critico. Se un dipendente è positivo al Covid-19 la polizza prevede ad esempio una diaria di 100 euro (massimo 10 giorni indennizzabili) per ogni giorno di ricovero; in caso di ricovero in terapia intensiva è prevista una diaria forfettaria per la convalescenza pari complessivamente a 3.000 euro. A questo si aggiunge un’indennità di 1.500 euro a seguito di ricovero per determinate patologie gravi anche non connesse al Covid-19 indicate in polizza. È infine possibile contare sulla disponibilità di una Centrale Operativa 24 ore su 24 per consulenze telefoniche con un medico e informazioni sanitarie di vario genere. Una protezione di valore per i dipendenti, la parte più preziosa di ogni azienda.

Inizia subito a risparmiare per il futuro Scegli i vantaggi di un piano di risparmio che premia la tua fedeltà

Per un numero crescente di persone destinare parte del reddito disponibile a una qualche forma di accantonamento rappresenta una priorità, un sinonimo di sicurezza e tranquillità. E aumenta il bisogno di conoscenza degli strumenti a disposizione per farlo. Lo sottolinea la Banca d’Italia, con le sue iniziative di educazione finanziaria dedicate in particolare ai più giovani. Una formazione necessaria perché le nuove generazioni siano in grado di “far fronte a una vita lavorativa discontinua e a uno scenario previdenziale che ha attribuito responsabilità maggiore agli individui nella formazione del risparmio”. Le indagini sulla situazione delle famiglie durante la crisi sanitaria mostrano che scelte finanziarie consapevoli, proprio in materia di risparmio e prodotti assicurativi, garantiscono maggiore resilienza, consentendo di affrontare più efficacemente gli shock economici.

Giovani alla ricerca di sicurezze per il proprio futuro

I giovani italiani, secondo una ricerca del 2021 di Schroders, multinazionale di gestione del risparmio, sembrano intanto essere diventati più attenti al proprio futuro finanziario. I risultati del sondaggio “Global Investor Study” rivelano infatti che nel nostro Paese il 45% degli intervistati tra i 18 e i 37 anni d’età ha ammesso di voler risparmiare di più. E il 54% ha anche sostenuto di voler aumentare la percentuale di tali risparmi utilizzata per gli investimenti. Appare quindi un doppio meccanismo di tutela, rivolto al presente e al futuro. Da una parte una cifra maggiore accantonata in caso di emergenze. Dall’altra, in tempi di tassi d’interesse bassi e inflazione in aumento, una somma più rilevante che punta a far aumentare le risorse a disposizione per gli impegni futuri. Ciò a conferma, come sottolinea anche Schroders, che se l’emergenza sanitaria da un lato ha accresciuto l’incertezza, dall’altro ha agito da catalizzatore, incentivando la propensione a organizzare al meglio la gestione del proprio denaro. È tempo allora di programmare un piano di risparmio funzionale a realizzare innumerevoli scopi.

rovvedere al domani

Riflettere sul proprio avvenire e sulle necessità future della propria famiglia diventa perciò molto importante e cominciare a occuparsene per tempo informandosi sulle opzioni di risparmio a disposizione significa ritagliarsi una più solida opportunità di benessere. Con UnipolSai Risparmio Bonus realizzi un piano di risparmio sicuro e redditizio che, in più, ricompensa la tua fedeltà. È la soluzione che permette di accumulare un capitale attraverso un piano di versamenti annui costantianche di importo contenuto, a partire da 1.000 euro all’anno, con possibilità di frazionamento in rate anche mensili (importo minimo 90 euro al mese). La durata contrattuale è compresa fra 10 e 30 anni, con un premio “fedeltà”. Alla scadenza, infatti, se sei in regola con il piano di pagamento dei premi, otterrai un bonus pari al 15% del capitale assicurato rivalutato. Con UnipolSai Risparmio Bonus, inoltre, alla scadenza contrattuale è possibile scegliere: decidere cioè di ricevere il pagamento del capitale assicurato o optare per la conversione in una rendita vitalizia, a condizione che alla scadenza si abbia un’età assicurativa uguale o superiore a 50 anni.

Quindi un capitale iniziale che si rivaluta annualmente in base ai rendimenti ottenuti dalla Gestione Separata Valore UnipolSai. Tutto con zero pensieri.

Viaggiare in relax divertendosi, anche in caso di imprevisti Non lasciare che gli imprevisti rovinino le tue vacanze

Pianificare una vacanza nei minimi dettagli non necessariamente toglie piacere al mistero legato all’avventura, anzi. Progettare un viaggio, oltre a definire l’itinerario degli spostamenti, significa anche identificare i potenziali rischi, prevenire disagi, minimizzare gli imprevisti, e lasciare che serenità e divertimento ci facciano assaporare il vero gusto del viaggio.

Prima di tutto è bene verificare sul sito del Ministero degli Esteri (www.viaggiaresicuri.it) gli sviluppi aggiornati riguardanti i Paesi di destinazione e accertarsi di poter raggiungere le mete programmate in totale sicurezza. È un servizio che mette a disposizione numerose informazioni politiche, sanitarie e di sicurezza.

Volo cancellato: come fare

Ci sono poche delusioni più fastidiose e problematiche del realizzare che il proprio volo è stato cancellato. Quali sono i diversi gli scenari quando si subisce questo tipo di inconveniente? Prima di tutto, consultare sul sito dell’ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) la Carta dei Diritti del Passeggero – che tra gli altri fa riferimento al Regolamento UE 261/2004 – che stabilisce regole comuni in materia di compensazione e assistenza ai passeggeri in caso di negato imbarco, di cancellazione del volo o di ritardo prolungato. Per ricevere le tutele previste Regolamento UE, il volo deve soddisfare alcuni requisiti: ad esempio, deve partire da uno Stato membro dell’Unione europea, oppure la compagnia aerea deve avere sede nell’UE e il volo deve atterrare in un aeroporto interno all’Unione.

Inoltre, se la compagnia aerea non è responsabile del ritardo del volo non è tenuta a erogare alcun risarcimento. Questo vale per le cosiddette “circostanze eccezionali”, tra cui rientrano: instabilità politica, rischi per la sicurezza, scioperi, maltempo.

Paese che vai, sanità che trovi

Se hai deciso di visitare l’Australia, oppure il Sud America, gli Stati Uniti, la Thailandia o un altro paese estero, ricordati che l’assistenza sanitaria potrebbe funzionare diversamente, soprattutto fuori dai confini europei. In America, per esempio, il sistema sanitario è privato, e anche un piccolo infortunio potrebbe comportare costi elevati.

Sul sito del Ministero della Salute è disponibile una sezione per chi deve viaggiare all’estero, alla quale si può accedere per conoscere il tipo di assistenza sanitaria fornita, e se gratuita o a pagamento, in tutti i paesi del mondo.

Proteggi il tuo viaggio con la polizza di UnipolSai

Per viaggiare sicuri e tranquilli è bene acquistare una polizza viaggi per avere un’adeguata protezione in tutto il mondo contro quegli eventi imprevisti che potrebbero rovinare le tue vacanze. La polizza UnipolSai InViaggio FULL copre l’annullamento del viaggio prenotato, rimborsando le penali addebitate dall’Operatore Turistico per annullamento o modifica del viaggio prima dell’inizio dello stesso a seguito di determinati eventi che colpiscono l’assicurato viaggiatore, il compagno di viaggio e i familiari. È assicurato lo smarrimento dei bagagli, il furto, lo scippo, preziosi compresi, e l’acquisto dei beni di prima necessità. Inoltre, in caso di problemi di natura medico-sanitaria, la polizza viaggi viene incontro per rimborsare direttamente le spese per malattia o infortunio sostenute durante il viaggio: cure mediche ospedaliere, terapie, interventi chirurgici urgenti.

Scopri allora l’offerta giusta per il tuo viaggio e come personalizzarla in pochi click: è sufficiente indicare il numero di persone, la destinazione, le date di partenza e di arrivo. Inoltre, oggi* la polizza è scontata al 50%.

Quando viaggi, non affidarti al caso!

*Iniziativa valida dall’8 marzo 2022 al 30 settembre 2022 per polizze di nuova emissione stipulate online o in Agenzia. ​
Ottieni il 50% di sconto sul premio rispetto alla tariffa in vigore al momento della sottoscrizione della polizza.​

Cani e gatti, il tuo affetto al sicuro Scopri come garantire il benessere dei tuoi amici a quattro zampe

Nel nostro Paese si stima la presenza di oltre 62 milioni di animali d’affezione, tra cui oltre 16 milioni di cani e gatti. Una spinta ulteriore a prendere un amico a quattro zampe è arrivata durante il protrarsi della pandemia, complici i periodi di isolamento casalingo e lo smart working di uno o più membri del nucleo familiare. Enpa, l’Ente Nazionale per la Protezione degli Animali, ha evidenziato un vero e proprio boom di adozioni, rilevando l’aumento nel 2020 – rispetto al 2019 – del 15% di cani e gatti accolti nelle abitazioni.

Benefici degli animali domestici per la psiche e il corpo

L’incremento va di pari passo con la sempre più diffusa consapevolezza dei benefici fisici e psicologici legati all’arrivo di un animale in casa. Un’esperienza che diventa una grande opportunità per tutta la famiglia da un punto di vista educativo e sociale, spesso con riflessi diretti sul benessere fisico. Lo assicura la scienza: cani e gatti possono aiutare a combattere ansia e stress, al punto da concorrere a tenere a bada la pressione arteriosa. Tanto che l’American Heart Association, un punto di riferimento mondiale per quanto riguarda le linee guida e il trattamento delle emergenze cardiovascolari, indica che la vicinanza costante di un cane può portare a una riduzione dei rischi di malattia cardiaca.

Come tutelare i nostri animali domestici

Il legame tra gli italiani e i loro animali emerge anche da alcune soluzioni diffusamente adottate per proteggerli. Emerge infatti che oltre il 90% degli italiani, possessori di un cane, ha applicato loro il microchip: sarà perché è obbligatorio in tutta Italia? Purtroppo questa abitudine, molto importante per la salvaguardia del nostro animale, è quasi totalmente disattesa dai proprietari di gatti (obbligo solo in Lombardia). Il microchip è una “carta d’identità” per ufficializzarne l’esistenza ed è quindi fondamentale per ritrovare un gatto in caso di smarrimento. Per adottare un gatto proveniente dall’estero, o per espatriare con il proprio gatto è necessario che l’animale abbia il passaporto europeo. Per ottenere il passaporto il microchip è obbligatorio. L’italia si sta orientando verso l’obbligo del microchip anche per i gatti perché permette un maggior controllo della popolazione felina, contrastando l’abbandono. Inoltre, è utile in caso di contestazioni, purtroppo non rare, riguardo il relativo possesso.

I dati arrivano dall’Osservatorio Quattrozampeinfiera 2022 dove, nella ricerca, si è delineata anche l’importanza di assicurare il proprio animale per tutelare e tutelarsi da eventuali controversie legali per danni a terzi. Il Veneto è la regione leader per quanto riguarda le polizze che coprono le spese veterinarie: un’alta percentuale degli intervistati ha assicurato il proprio animale domestico anche per i costi sanitari.

Sicurezza per te e il tuo pet

Col passare del tempo, quindi, le abitudini degli italiani nei confronti dei loro animali da compagnia si stanno evolvendo nella direzione di una sempre maggiore attenzione alla sicurezza e di previsione dei possibili imprevisti futuri. Così come crescono i numeri di chi viaggia accompagnato da cani e gatti, fattore che introduce ulteriori esigenze di protezione. Gestire la convivenza con un animale richiede insomma una scelta consapevole e responsabile. La polizza UnipolSai Cane&Gatto è pensata appositamente per il loro benessere e il tuo: si può acquistare in Agenzia ma anche online su sito e App, in qualsiasi momento e in piena autonomia. Sono assicurabili i cani e i gatti con microchip o tatuaggio:

  • Sono assicurate le spese per intervento chirurgico conseguenti a infortunio o malattia, le prestazioni medico-veterinarie, esami e accertamenti diagnostici e fisioterapia, compresi esami e visite nei 30 giorni prima e dopo l’operazione.
  • È prevista una tutela per danni a cose o lesioni che l’animale può causare a terzi.
  • Con la garanzia supplementare Assistenza Plus, grazie al collare Unibox PETs, un sistema di geolocalizzazione satellitare, non perdi più d’occhio il tuo animale. Lo segui in tempo reale dal PC o dal tuo smartphone grazie all’App UnipolSai.
  • E, se non sai a chi lasciare il tuo animale per un tuo ricovero programmato superiore a 5 giorni, hai anche il rimborso della pensione per cani e gatti.

Scopri allora l’offerta giusta per te in pochi click e metti al sicuro i tuoi fedeli amici. Oggi* la polizza è scontata al 50%!

UnipolMove. Muoversi oltre.

È arrivato UnipolMove, il servizio di pagamento dei pedaggi offerto da UnipolTech, società del Gruppo Unipol: finalmente l’alternativa nel mondo del telepedaggio!

Prova UnipolMove, viaggia libero e senza pensieri: i primi 6 mesi sono gratis, poi paghi 1€ al mese.

Chiedi maggiori informazioni in Agenzia.

Dal 01/02/2022 anche noi abbiamo l’obbligo di controllare il green pass a tutti i clienti che entrano in agenzia.

Dal 01/02/2022 anche noi abbiamo l’obbligo di controllare il green pass a tutti i clienti che entrano in agenzia.
Si rischiano multe per i clienti e per noi da 400 a 1.000 euro.